Aethina Restrizioni alla movimentazione di materiale apistico a rischio

ASSESSORATO DELLA SALUTE
DECRETO 6 giugno 2016.

Restrizioni alla movimentazione di materiale apistico a
rischio dalla Regione siciliana verso la Regione Calabria.

IL DIRIGENTE GENERALE
DEL DIPARTIMENTO REGIONALE PER
LE ATTIVITÀ SANITARIE E
OSSERVATORIO EPIDEMIOLOGICO

Decreta:

Art. 1
Per quanto espresso in premessa, che qui si intende integralmente ripetuto e trascritto, è vietato introdurre in Sicilia dalla Calabria materiale apistico vivo in genere e insetti impollinatori.
È vietato, altresì, il trasferimento di materiale apistico vivo dalla Sicilia verso la Calabria.
In via eccezionale e previo parere favorevole da acquisire di volta in volta da parte dell’Azienda sanitaria provinciale territorialmente competente del luogo di partenza e di quello di destinazione è consentito il trasferimentodalla Sicilia verso la Regione Calabria di insetti impollinatori e di sciami di api con l’assoluto divieto della reintroduzione in Sicilia.

Art. 2
L’Azienda sanitaria provinciale di Messina è incaricata dell’istituzione di un sistema di vigilanza veterinaria che assicuri, nell’arco delle 24 ore di ciascuna giornata, con la eventuale collaborazione delle Forze dell’ordine, adeguati controlli a campione sul traffico commerciale veicolare verso la Calabria e, soprattutto, in entrata nella Regione siciliana al fine di verificare quanto prescritto al precedente articolo 1.

Art. 3
Il presente decreto viene trasmesso alla Regione Calabria, all’Azienda sanitaria provinciale di Messina, all’Ufficio territoriale del Governo di Messina e ai comandi provinciali delle Forze dell’ordine dello stesso capoluogo.
Il presente decreto viene, altresì, trasmesso al Ministero della salute, alla Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana per la pubblicazione e al gestore del sito web di questo Dipartimento per la pubblicazione.

Palermo, 6 giugno 2016.

VEDI DOCUMENTO INTEGRALE
ASSESSORATO DELLA SALUTE – Decreto 6 giugno 2016 

Condividi su:

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *